Curriculum Maurizio Unali

Maurizio Unali (Roma 1960) si laurea con Lode in Architettura presso l’Università degli Studi di Roma “La Sapienza”, dove consegue il Dottorato di Ricerca in “Disegno e Rilievo del Patrimonio Architettonico”.
È Professore Ordinario di Disegno dell’Architettura presso il Dipartimento di Architettura dell’Università degli Studi “G. d’Annunzio” di Chieti-Pescara.
Vive tra Roma, Pescara e Genova.
Nel 1997 è tra i fondatori della Rivista internazionale “il Progetto” – trimestrale di Architettura, Arte, Comunicazione, Design –, ed è attualmente membro del comitato scientifico.
La sua attività di ricerca e didattica – svolta presso diverse sedi universitarie – si è incentrata soprattutto sullo studio del “Disegno di Progetto” e sulla sperimentazione del modello di rappresentazione generato dalle interrelazioni fra l’architettura e la tecno-cultura digitale.
Tra le pubblicazioni si ricordano alcuni titoli: Rappresentare l’immateriale. Cultural heritage e poetiche dell’effimero (2015); An educational experience in drawing Pescara. “From Piazza Salotto to Times Square” (2015); Atlante dell’Abitare Virtuale (2014); Acqua & Architettura. Rappresentazioni (2011); Architettura Effimera (2010); New Lineamenta (2009); Abitare virtuale significa rappresentare (2008); Lessico famigliare. Il disegno della palazzina romana degli anni ‘60 (2007); Show Design, fra architettura e cultura rock (2007); Lo spazio digitale dell’architettura italiana. Idee, ricerche, scuole, mappa (2006); La Città Virtuale (2005); Il disegno della scuola romana degli anni Venti: analisi di un linguaggio (2003); Architettura e cultura digitale (2003); Pixel di architettura (2001); Il rilievo delle Cappelle Mastrogiudice e Correale di Terranova, nella Chiesa di S. Anna dei Lombardi in Monteoliveto a Napoli (1999); Il disegno per il progetto dell’architettura (1996).
Ha scritto, inoltre, per l’Enciclopedia di Roma edita da Franco Maria Ricci e per l’Istituto della Enciclopedia Italiana Treccani.

Synthetic Curriculum Vitae
Maurizio Unali (Rome 1960) holds a degree with honours in Architecture from the “La Sapienza” University of Rome, where he successively completed his PhD in “Disegno e Rilievo del Patrimonio Architettonico”.
He is full professor of Drawing Architecture with the Department of Architecture at the “G. d’Annunzio” University of Chieti-Pescara (where he directs the Digital Representation Laboratory).
He has been involved in research and teaching activities at the “La Sapienza” University of Rome and the Politecnico di Milano.
In 1997 he was one of the founders of the international magazine il Progetto, a quarterly issue journal dedicated to Architecture, Art, Communication and Design; he is currently a member of the magazine’s scientific committee.
His research activity – documented in numerous publications and a continual participation in research programmes, conferences and exhibitions – and his educational experience – matured during more than 20 years of teaching with different universities – focused primarily on the study “Architectural Drawing” and the model of representation generated by the interrelation between architecture and digital technoculture.
His published works include: Rappresentare l’immateriale. Cultural heritage e poetiche dell’effimero (2015); Atlante dell’Abitare Virtuale (2014); Acqua & Architettura. Rappresentazioni (2011); Architettura Effimera (2010); New Lineamenta (2009); Abitare virtuale significa rappresentare (2008); Lessico famigliare. Il disegno della palazzina romana degli anni ‘60 (2007); Show Design, fra architettura e cultura rock (2007); Lo spazio digitale dell’architettura italiana. Idee, ricerche, scuole, mappa (2006); La Città Virtuale (2005); Il disegno della scuola romana degli anni Venti: analisi di un linguaggio (2003); Architettura e cultura digitale (2003); Pixel di architettura (2001); Il rilievo delle Cappelle Mastrogiudice e Correale di Terranova, nella Chiesa di S. Anna dei Lombardi in Monteoliveto a Napoli (1999); Il disegno per il progetto dell’architettura (1996).
He has also written for the Enciclopedia di Roma edited by Franco Maria Ricci and for the Istituto della Enciclopedia Italiana Treccani.

Contatti:    lineamentamu@gmail.com

RICERCA / RESEARCH                               DIDATTICA / TEACHING    

PUBBLICAZIONI //////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////
Consulta il Catalogo della Ricerca IRIS.

Le pubblicazioni che di seguito si elencano sono strettamente correlate all’attività scientifica e sono presentate in ordine cronologico inverso. 

  • M. Unali, Architettura e tecnocultura “post” digitale. Verso una storia,
    in “Op. Cit.” rivista quadrimestrale di selezione della critica d’arte contemporanea”, diretta da Renato De Fusco, n. 164, gennaio 2019, pp. 5-21, ISSN 0030-3305.
    Cfr. https://e.issuu.com/anonymous-embed.html?u=opcit&d=opcit_164

Le continue mutazioni tecnoculturali del nostro tempo sembrano essere declinate dall’architettura (ma non solo) in multiformi semantiche dal carattere “post” (…) – spesso genericamente definite postdigital dai mass media –, molte ancora da decifrare, che stanno contribuendo a rigenerare il senso dell’abitare contemporaneo, sia nella dimensione materiale del reale, sia nella sfera immateriale del virtuale.
Ma cosa significa per l’architettura essere entrata in questa ipotetica era post digitale e nell’Industry 4.0? Le ultime frontiere dell’innovazione – le ricerche sulle biotecnologie, sulle nanotecnologie, la fabbricazione digitale (la stampa 3D, i dispositivi a controllo numerico, la rete dei Fab Lab), la progettazione parametrica e BIM, la gestione dei Big Data, le trasformazioni delle reti, ecc. – in che modo stanno alimentando la creatività, modificando la formazione e la professione? E quali gli effetti sulla rappresentazione e conformazione dello spazio e dei prodotti, considerando anche il digital divide e il modus vivendi contemporaneo, spesso destabilizzato dalla globalizzazione?
Facciamo un passo indietro. Alle soglie del nuovo millennio, interrogandoci sui rapporti fra “architettura e cultura digitale” – esito della prima rivoluzione digitale in architettura (pionieristica, a tratti ingenua e retorica ma positivamente sperimentale), esplosa negli anni ’90 con gli esordi del “digitale di massa” –, ci domandavamo in che modo quella nuova tecnocultura (recepita subito come innovativa e già prevista pervasiva e trasversale) stava ampliando lo spazio del progetto e modificato la dimensione del tempo, con tutte le ricadute sul senso del nostro lavoro.
Oggi, usciti dal periodo rivoluzionario del “paradigma elettronico” in architettura, alla luce di alcuni decenni di creatività alimentati dalle tecnoculture digitali, possiamo analizzare con più maturità e conoscenze i risultati di quel prolifero periodo del progetto, approfondendo gli eventi e innescando ulteriori processi di storicizzazione, fondamentali requisiti per interpretare l’attuale stato dell’arte del fenomeno. Una fase che appare ancora in formazione, a tratti contraddittoria, ma in cui emergono già nuovi e interessanti spunti teorico-operativi che meritano l’attenzione della critica.
Si evidenziano, inoltre, laboriosità più attente ai temi studiati dalle cosiddette Digital Humanities, progettualità tecnoculturali che sembrano tendere a relazionarsi più intensamente con la sensibilità umana, con la natura, con l’universo e con “la presenza del passato”. Quest’ultima citazione consiglia di studiare la condizione postdigitale alla luce dell’esperienza della lezione del postmoderno che, seppur in tutt’altro contesto, sembra offrire interessanti riferimenti storici.

///////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////

  • M. Unali, Titolo, ed.

///////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////

  • M. Unali, Il design della luce e del colore nella performance rock. Verso una storia, Contributo in Atti di convegno, Maggioli Bologna 2012.
    Si tratta di un saggio sul …

u2PopMart

 

 

 

///////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////

  • Carlo Mezzetti, M. Unali (a cura di), Acqua & Architettura. Rappresentazioni, ed. Kappa, Roma 2011. ISBN 978-88-6514-078-9
    Si tratta degli esiti della ricerca PRIN 2007, nell’ambito dell’Unità di Ricerca dell’ Università degli Studi “Gabriele d’Annunzio” di Chieti-Pescara, sul tema dal titolo “La rappresentazione della città: acqua e architettura”. Responsabile scientifico Carlo Mezzetti (fino a novembre 2008) e M. Unali (da novembre 2008).
    Fra le recensioni si segnala quella scritta da Massimo Giovannini e pubblicata in “Disegnare. Idee immagini” n. 43, Gangemi editore, Roma 2012, p. 95. Fra le presentazioni del volume si ricorda: Mario Docci in: Ottavo Congresso U.I.D. – XXXIII Convegno Internazionale delle discipline della Rappresentazione, Lerici, Villa Marigola 13, 14, 15 ottobre 2011.

115-116)  M. Unali, Acqua & Architettura. Rappresentazioni (pp. 185-191)
La poetica dell’effimero e l’acqua: rappresentazioni (pp. 202-208)
sono pubblicati in: AA.VV., Metodologie integrate per il rilievo, il disegno, la modellazione dell’architettura e della città, ricerca PRIN 2007 coordinatore nazionale Mario Docci, a cura di E. Chiavoni, M. Filippa, ed. Gangemi, Roma 2011. ISBN 978-88-492-2208-1 Si tratta di una introduzione e di un saggio che sintetizza parte della ricerca svolta per il PRIN 2007 dall’unità operativa della Facoltà di Architettura di Chieti-Pescara e pubblicata in forma estesa in: C. Mezzetti, M. Unali (a cura di), Acqua & Architettura. Rappresentazioni, ed. Kappa, Roma 2011.


114)  M. Unali, G. Caffio, Il Borgo telematico, in Alberto Clementi, Paolo Fusero (a cura di), Progettare dopo il Terremoto. Esperienze per l’Abruzzo, LISt Lab Laboratorio, Internazionale Editoriale (distribuzione: Actar-Birkhäuse), Trento 2011, p. 142. ISBN 9788895623474 La pubblicazione nasce da una esperienza che ha coinvolto intensamente la facoltà di architettura di Pescara. Il forte terremoto del 6 aprile 2009 ha toccato le coscienze di tutti, docenti e studenti, suscitando una generosa mobilitazione. Progetti e proposte elaborate in un anno di intenso lavoro dimostrano questo primo importante contributo scientifico e progettuale.

2010 //////////////////////////////////////////////////////////////////////////////

113) M. Unali, Google View: gli esordi di una nuova era, è pubblicato nella rivista “Quaestio. Studi e ricerche per il disegno e la documentazione dei beni culturali”, nn. 21-22, ottobre 2010, ed. Kappa Roma, pp. 101-108. Codice ISSN 2038-5528. La rivista è stata ristampata nel 2012 a cura di Aracne editrice ISBN: 978-88-548-4532-9 Lo sviluppo della rappresentazione architettonica in rete sta determinando svolte epocali, molte di segno positivo. Soprattutto nella sfera della gestione delle conoscenze, le relazioni tra il web e i sistemi di rilevamento – in particolare quelli informativi territoriali – aprono affascinanti scenari elaborativi, la cui forza, tutt’altro che stabile o definitiva, è ancora difficile da individuare. Come nel caso dei poliedrici progetti interdisciplinari innescati da Google, oggetto del saggio qui pubblicato.


112)  M. Unali, Architettura effimera,
in XXI Secolo, Gli spazi e le arti, opera diretta da Tullio Gregory,
Istituto della ENCICLOPEDIA ITALIANA fondata da Giovanni Treccani,
Roma 2010, pp. 345-353. ISBN 978-88-12-00038-8.
http://www.treccani.it/enciclopedia/architettura-effimera_(XXI-Secolo)/
Il saggio si colloca all’interno dell’opera XXI Secolo (sei volumi, diretta da Tullio Gregory ed edita dall’Istituto della Enciclopedia Italiana fondata da G. Treccani) che si propone di fare il punto sulla contemporaneità nei più diversi ambiti disciplinari. Architettura effimera è pubblicato nel quarto volume dal titolo Gli spazi e le arti, dove si tratta di territorio, città, architettura, design e arti visive. Il saggio, articolato in cinque capitoli (L’effimero come segnale dei tempi; Sostanze effimere; Effimero urbano; Effimero extraurbano; Effimero digitale), colloca la poetica dell’effimero fra i principali ‘alimenti’ culturali dell’architettura contemporanea. Le relazioni tra il pensiero architettonico e la sfera dell’effimero sono all’origine, infatti, di un complesso repertorio di argomenti e di significative creatività di natura interdisciplinare, generative di multiformi mutazioni spaziali che aprono nuovi scenari elaborativi, ponendo una serie di sfide e di riflessioni strettamente interconnesse con la vita quotidiana. È proprio a partire dal presente che si può direttamente cogliere la trasversalità, la pervasività, il senso delle creazioni effimere contemporanee, esperibili, dal reale al virtuale, nei vari contesti che oggi dominano ogni rappresentazione dello spazio: abitate nella familiare dimensione urbana; attraversate nella sospensione dei nuovi luoghi extraurbani (alcuni dei quali itineranti); fruite nel web.


110-111) M. Unali, Brand strategy projects, exhibition design, concept design. Studio Gentili Associati, è pubblicato nella rivista trimestrale di Architettura, Arte, Comunicazione, Design “il Progetto”, n. 34, 2010, pp. 100-103. ISSN 1590-7058 Testo bilingue: italiano e inglese.
M. Unali, Introduzione a Space in modernity: Mies and the limit Lo spazio nel moderno: Mies e il limite di Vincenzo Ariu, pubblicato nella rivista trimestrale di Architettura, Arte, Comunicazione, Design “il Progetto”, n. 34, 2010, p. 63. ISSN 1590-7058 Testo bilingue: italiano e inglese.

2009 //////////////////////////////////////////////////////////////////////////////

109)  M. Unali  Qual è il modello di rappresentazione compreso nella rivoluzione informatica?
What sort of representation model is used by the IT revolution?
in “Disegnare. Idee, immagini”, n. 38, ed. Gangemi, Roma 2009, pp. 30-39. ISBN 978-88-492-1793-3 ISSN IT 1123-9247 Codice rivista: E183381 Testo bilingue: italiano e inglese. A distanza di circa due decenni dalla rivoluzione informatica in architettura, il saggio vuole accelerare il processo di storicizzazione sul ruolo svolto, in tutte le sue molteplici declinazioni, dalla rappresentazione digitale. In particolare, approfondisce l’argomento a partire da una questione più volte trattata dall’autore: qual è il modello di rappresentazione compreso nella rivoluzione informatica? Quali sono gli ambiti teorico-operativi in cui si propone? Qual è il suo “sistema di riferimento”? Quali geometrie per elaborare rappresentazioni da abitare? La rappresentazione digitale è un “metodo” e/o una “tecnica” di visualizzazione? E infine, quale il salto epistemologico generato dalle immagini digitali?

 

 


107)  Livio Sacchi, M. Unali, The rendering of the contemporary city: virtual and real, è pubblicato in Visions. Catalogue of the 9th edition of BEYOND MEDIA, a cura di Marco Brizzi e Paola Giaconia, ed. Image, Firenze 2009. pp. 110-113. Testo in lingua iglese. ISBN 978-88-96531-00-6. Cfr. http://www.beyondmedia.it/ Per ampliare l’argomento e per vedere il video elaborato cfr. www.rappresentazione.it/?p=1463

 


105)  M. Unali, Virtual World, è pubblicato nella rivista internazionale “Compasses. Architecture & Design”, n. 6, 2009, pp. 138-139 Codice Ance E196978 www.compasses.ae/ Testo in lingua inglese.

 

2008 //////////////////////////////////////////////////////////////////////////////

100Between tradition and innovation. Redesign of Don Bruno Falloni Square, Monteiasi, Italy
in “ORIS”, Magazine for architecture and culture, Croatia, year X-53- 2008, pp. 72-77 (www.oris.hr/druga.htm). Issn: 1331-7571
Una biografia di M. Unali è pubblicata a p. 208.
L’articolo è pubblicato in due lingue, inglese e croato.


108)  M. Unali, Note per una nuova didattica della rappresentazione digitale, è pubblicato negli Atti di “Un disegno lungo trenta anni”, quinto Congresso U.I.D, XXX Convegno Internazionale delle Discipline della Rappresentazione, Lerici – Villa Marigola – 2, 3, 4 ottobre 2008, pp. 146-150, printed in Italy, da Graphic Sector s.r.l., Genova 2009. ISBN 88-89738-07-3 Questo scritto sintetizza l’intervento svolto il 2 ottobre 2008 da M. Unali in occasione del Convegno. L’intervento è stato accompagnato dalla proiezione del video Interfacce 08, regia di M. Unali, visibile all’indirizzo www.rappresentazione.it/?page_id=1731


109)  M. Unali,
Qual è il modello di rappresentazione compreso nella rivoluzione informatica?,
è in corso di pubblicazione nella rivista
“Disegnare. Idee, immagini”, n. 38, ed. Gangemi, Roma 2009.
Testo in italiano e in inglese.


106)  M. Unali (a cura di), New Lineamentaedizioni Kappa, Roma 2009

saggi di
Marco Gaiani
Riccardo Migliari
Livio Sacchi
Maurizio Unali

link all’evento


105)  M. Unali,
Virtual World,
in “Compassess”, n.7, 2009, pp. 130-139.
Testo in inglese.


104)  M. Unali,
Huge Wine Glass, Toyo Ito
è pubblicato nella rivista trimestrale di Architettura, Arte, Comunicazione, Design “il Progetto”, n. 33, 2009, pp. 68-69.
Testo in Italiano e in Inglese


103)  M. Unali,
Pedro Cano – “identity in transit”
an exhibition at the museum of the baths of diocletian in rome
è pubblicato nella rivista trimestrale di Architettura, Arte, Comunicazione, Design “il Progetto”, n. 33, 2009, pp. 64-67.
Testo in Italiano e in Inglese


96)  M. Unali,
Virtual City
è pubblicato in
Innovative Design and Construction Technologies. Building complex shapes and beyond / Id&cT09,
editor Ingrid Paoletti,
ed. Politecnica, Milano 2009. pp. 259-271. Testo in inglese.
Numero ISBN: 978-88-387-4369-X
Il saggio sintetizza l’intervento di M. Unali al convegno internazionale Innovative Design and Construction Technologies. Building complex shapes and beyond / Id&cT09, svoltosi al Politecnico di Milano, Facoltà di Architettura, il 6 e 7 maggio 2009. http://www.innovativetechnologies.polimi.it/


100) M. Unali,
Between tradition and innovation. Redesign of Don Bruno Falloni Square, Monteiasi, Italy
in “ORIS”, Magazine for architecture and culture, Croatia, year X-53- 2008, pp. 72-77 (www.oris.hr/druga.htm). Issn: 1331-7571
Una biografia di M. Unali è pubblicata a p. 208.
L’articolo è pubblicato in due lingue, inglese e croato.


copertina_gentili_testocian99) M. Unali (a cura di),
Abitare virtuale significa rappresentare,
ed. Kappa, Roma 2008.
Numero ISBN: 978-88-7890-910-6
Postfazione di Livio Sacchi,
Cover di Moreno Gentili.
368 pagine a colori.

In particolare, nel libro, M.U. ha firmato l’Introduzione
e il saggio dal titolo
Verso un Atlante della Città Virtuale. Estetiche “a 72 DPI”, pp. 206-257.

Una delle parole chiave per fruire, rilevare e progettare lo spazio digitale è ABITARE. Il ciberspazio, sia nella sua dimensione letteraria, sia in quanto spazio virtuale, è un luogo abitato: da comunità di utenti che si scambiano emozioni in rete, a singole navigazioni di avatar, lo spazio virtuale occupa la nostra esistenza parallelamente a quello reale.
Ma abitare lo spazio virtuale significa agire attraverso simulazioni,
signifiva RAPPRESENTARE.

Introduzione muintroduzioneabitarepp6e11

Atlante della Città Virtuale (agg. 2008) unalicaffioatlante

Giovanni Caffio caffioletturasiti


98) Maurizio Unali,mulog
Lessico famigliare. Il disegno della palazzina romana degli anni ‘60,
in Il disegno della palazzina romana, a cura di C. Mezzetti, ed. Kappa, Roma 2007, pp. 104-137.

Il saggio analizza la storia della rappresentazione della palazzina romana degli anni ‘60, nel contesto della storia del disegno dell’architettura italiana del Novecento, evidenziandone particolari valori estetici. Ne emerge un “ritratto di famiglia” in cui, nel tempo e in diversi ruoli, gli architetti romani compaiono tutti, da protagonisti o da semplici cittadini, in un ricordo plurale. Una fotografia di gruppo scattata con l’Instamatic della Kodak dove, tra ingombranti tecnigrafi, pennini ad inchiostro della serie graphos e prime penne a china Rapidograph, rotoli di carta lucida, radex e copie eliografiche, ci si possa riconoscere, per scoprire e raccontare. Riconoscere eccezionali maestri, artisti e seri professionisti (architetti, ingegneri, tecnici, imprenditori) spesso anonimi, che con competenza e passione hanno contribuito a scrivere delle belle pagine di storia dell’abitare; riconoscere anche altri di segno opposto, cattivi maestri che, invece, si sono venduti a facili guadagni, abbandonati in speculazioni e inutili scorciatoie linguistiche, di cui ancora oggi la città mostra le drammatiche conseguenze. Molte delle immagini pubblicate sono inedite.

Il volume è stato realizzato con il contributo del Ministero dell’Università e della Ricerca dell’anno 2004 prot. 2004087385 nell’ambito del Programma di Ricerca cofinanziata Metodi e tecniche integrate di rilevamento per la costruzione e fruizione di modelli virtuali 3D dell’architettura e della città con coordinatore scientifico M. Docci, dall’unità di Ricerca dell’Università degli Studi «G. d’Annunzio» di Chieti, Facoltà di Architettura di Pescara, con responsabile scientifico C. Mezzetti, dal titolo Rappresentazione e conformazione di modelli digitali dell’architettura e della città.


94-97) M. Unali ha curato per l’Istituto della ENCICLOPEDIA ITALIANAtreccani1
fondata da Giovanni Treccani
la redazione delle sottoelencate voci per la pubblicazione dell’opera
XXI Secolo – Aggiornamento dell’Enciclopedia italiana di scienze, lettere ed arti”,
diretta dal prof. Tullio Gregory,
pubblicata nel 2007.

Le voci redatte come autore (cfr. link) sono:
– Roma – Architetturae Urbanistica (pp.146-147);
eur

?
– Josef Paul Kleihues (p. 246);
kleihues

– Ben van Berkel (pp. 434-435);
vanb

– Peter Zumthor (p. 468).
vals


93) M. Unali, Digitale (Futuro),parametro270
in “Parametro”, n. 270-271,
luglio-ottobre 2007, pp. 166-167.
ISSN: 0031-1731

Click to enlarge imageRasterbation


92) M. Unali,super Superluoghi per una notte,
in
La civiltà dei Superluoghi. Notizie dalla metropoli quotidiana,
a cura di M. Agnoletto, A. Delpiano, M. Guerzoni,
ed. Damiani, Bologna 2007, pp. 173-174.


91) M. Unali, Rappresentare l’evento.u2 Show design, tra architettura e cultura rock. Macchine sceniche itineranti,
è pubblicato in
Intersezioni diSegni, a cura di C. Mezzetti, ed. Kappa, Roma 2007, pp. 296-314.
ISBN: 9788878907911


90) M. Unali,
Per un’estetica del disegno della palazzina romana degli anni ‘60,
è pubblicato in
Metodi e tecniche integrate di rilevamento per la realizzazione di modelli virtuali dell’architettura della città,
ricerca COFIN 2004, coordinatore nazionale Mario Docci, ed Gangemi,  Roma 2007, pp. 314-318. Numero ISBN: 88-492-1415-4
Il saggio sintetizza uno dei temi affrontati per la ricerca COFIN 2004 (prot. 2002084928_006), “Metodi e tecniche integrate di rilevamento per la costruzione e fruizione di modelli virtuali 3D dell’architettura e della città” (programma di ricerca coordinato da Mario Docci – Università degli Studi di Roma “La Sapienza”), nell’Unità di Ricerca coordinata da Carlo Mezzetti (Università degli Studi di Chieti “Gabriele d’Annunzio”).

 

 


87-89) M. Unali (a cura di),covermostradigitombra-copia
Lo spazio digitale dell’architettura italiana. Idee, ricerche, scuole, mappa,
ed. Kappa, Roma 2006.
Num. ISBN: 978-88-7890-764-5
Nella stessa pubblicazione vedi, di M. Unali, oltre all’Introduzione (pp. 8-17),
il saggio
Rappresentare lo spazio digitale dell’architettura italiana (pp. 54-69),
la sezione Videointerviste (pp. 72-91)
e il saggio
Metamorfosi: videoproiezioni (a cura di L. Sacchi e M. Unali), pp. 130-147.
Cfr. ex sito …
Questa pubblicazione sintetizza gli esiti della mostra Lo spazio digitale dell’architettura italiana, a cura di M. Unali, svoltasi nell’ambito di ArteScienza ‘06.
ArteScienza è il festival biennale di arte, scienza e cultura contemporanea, promosso e co-prodotto dal Centro Ricerche Musicali-CRM di Roma (che ne cura la direzione artistica e l’organizzazione), dal Goethe-Institut in Rom, dal Centro per l’Arte e la Tecnologia dei Media ZKM di Karlsruhe, dall’Ordine degli Architetti di Roma e Provincia e dalla Casa dell’Architettura di Roma.
Il tema complessivo dell’edizione ‘06 del festival è lo Spazio deformato, nelle sue infinite declinazioni e possibilità creative, tra arte e scienza, tra immaginazione e realtà, tra architettura e performance multimediale.

 

 

 


86) M. Unali ha curato per il D.A.I. (Dizionario Architettonico Italiano)vemaombra
la voce Effimero,
pubblicata in
La Città Nuova. Italia-y-2026. Invito a VEMA.
Padiglione Italiano alla 10. Mostra Internazionale di Architettura,
a cura di Franco Purini, Nicola Marzot e Livio Sacchi,
ed. Compositori, Bologna 2006, pp. 358-359.
Nello stesso volume M.U. fa parte del repertorio selezionato nel Dizionario Biografico Illustrato (p. 494).
Numero ISBN: 887794524-9


85) M. Unali,
La Città Virtuale. Rappresentazione/conformazione del progetto utopico nello spazio digitale,
in AA.VV., Dalle città ideali alla città virtuale. Viaggio nel mondo fantastico del Disegno dell’utopia, a cura di Carlo Mezzetti, ed. Kappa, Roma 2005, pp. 381-399.      cittavirtuale381unali

Nello stesso volume ha curato anche la sezione 7,
dal titolo La Città Virtuale, pp. 381-467.
Numero ISBN: 88-7890-737-5

Il saggio tratta delle varie declinazioni del disegno delle città virtuali in rete. Si vuole riflettere sul tema della “virtualizzazione dell’architettura contemporanea”, uno degli argomenti centrali della ricerca. In particolare, le relazioni tra architettura e virtualità (di origine digitale) – nel contesto dello spazio culturale della rappresentazione – offrono interessanti spunti di riflessione e aprono nuovi scenari elaborativi in cui poter anche ripensare allo storico rapporto tra disegno e arhitettura.  La virtualità è qui intesa e studiata soprattutto come aspetto teorico-operativo proprio del medium digitale di rappresentazione che, tende ad assumere un ruolo conformativo. Nelle più interessanti sperimentazioni della virtualità, elaborate all’interno del prolifero laboratorio offerto dalle relazioni tra architettura e tecnocultura digitale, la rappresentazione, alleggerita dal peso meramente “strumentale per”, è il luogo del progetto, è libero pensiero; innesca, verifica e sperimenta nuovi processi creativi che introducono idee per ripensare alle modalità di conformazione dell’architettura, rilanciando, così, anche la pratica del progetto utopico. Ecco che i termini e le espressioni come città ideale, città virtuale, disegno, utopia, attraverso i processi creativi di virtualizzazione ampliati e introdotti dalla tecnocultura digitale, trovano ulteriori significati, segnando una nuova tappa evolutiva del pensiero architettonico e delle sue rappresentazioni.  Dobbiamo inoltre ricordare che la virtualità può essere studiata nel contesto del sistema delle rappresentazioni visive della nostra civiltà a partire dalle sue radici storiche e nella nuova riproposizione del tema dell’utopia, oggi, per molti aspetti, assimilabile a quello di virtualità di natura digitale. Facciamo riferimento, in particolare, all’elaborazione di nuove dimensioni e configurazioni dello spazio, ovvero alla rappresentazione contemporanea della Città Ideale: la Città Virtuale. Da queste note  emergono i primi obiettivi dello studio, incentrato sull’analisi dell’idea di rappresentazione della Città Virtuale, nel contesto evolutivo del progetto utopico dell’architettura nello spazio digitale. La Città Virtuale offre, infatti, l’occasione per continuare a riflettere sui nuovi scenari aperti dall’incontro e dal dialogo tra l’arte e la scienza della rappresentazione architettonica e la metatecnologia informatica, nel più ampio territorio del Disegno dell’Utopia, pluridisciplinare e antico ambiente elaborativo in cui visualizzare ed esplorare sogni e progetti. Attraverso lo studio dell’idea di Città Virtuale entriamo, quindi, in una delle dimensioni più affascinanti, ma anche più controverse, dello spazio culturale contemporaneo. Sia in quanto ambiente elaborabile ed esperibile attraverso tecnologie digitali, sia come paesaggio culturale che attiene all’intelletto, il tema offre molteplici spunti, interessando diverse discipline.


84) M. Unalieboy11
La rappresentazione come forma dell’abitare mondi virtuali,
è pubblicato in
Metodologie innovative integrate per il rilevamento dell’architettura e dell’ambiente,
ricerca COFIN 2002 – programma di ricerca coordinato da Mario Docci -,
a cura di T. Fiorucci, ed. Gangemi, Roma 2005, pp. 287-293.
Numero ISBN: 884920778-6


83) M. Unalipescarastella
Rappresentare eventi. La riviera di Motesilvano
è pubblicato in
La riva perduta. Piano di monitoraggio e di riqualificazione delle fasce costiere italiane,
a cura di Roberto de Rubertis, ed. Officina, Roma 2005, pp. 193-197.

Il volume – realizzato con il finanziamento del Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, MIUR – raccoglie gli esiti della ricerca nazionale PRIN “Piano di monitoraggio e di riqualificazione delle fasce costiere italiane”, condotta negli anni 2002,2003, 2004 da cinque sedi universitarie coordinate da Roberto de Rubertis.
M. Unali ha partecipato alla ricerca coordinata da Livio Sacchi (Facoltà di Architettura di Pescara) per la costa abruzzese e molisana.


82) M. Unali,
www.architettura.unich.it,
è pubblicato nella rivista “Piano Progetto Città”, nn. 22-23, Sala editori, Pescara 2004, p. 182.

Si tratta di un breve articolo che sintetizza l’idea di rappresentazione scelta per disegnare l’interfaccia Web della Facoltà di Architettura di Pescara: spazio digitale – dedicato agli studenti, ai docenti e al personale tutto della facoltà – progettato come luogo dello scambio di informazioni e come laboratorio multimediale in cui elaborare idee.
L’informazione, attualizzata dalla struttura dell’interfaccia caratterizzata da un fluido impalcato iconico, è reperibile attraverso semplici pulsanti di navigazione che consentono di accedere alle aree tematiche principali e a quelle secondarie di supporto.
La struttura del sito è concepita per una fruizione in cui l’aspetto ludico e partecipativo, tipico dei media digitali, è parte attiva del progetto. La spazio multimediale configurato stimola l’interazione degli utenti fornendo anche la possibilità di personalizzare l’interfaccia.


81) M. Unali,  Arti & Architettura 1900 – 2000. Genova Palazzo Ducale e itinerario in città,
è pubblicato nella rivista trimestrale di Architettura, Arte, Comunicazione, Design “il Progetto”, n. 22, dicembre 2004, pp. 38-39.

L’articolo descrive alcune delle idee suggerite dalla mostra-evento genovese, che raccoglie e rappresenta gli sconfinamenti e gli intrecci condotti dagli artisti nell’ambito dell’architettura e quelli degli architetti nelle arti. È la rappresentazione visiva dell’arte e dell’architettura di un secolo, una straordinaria avventura delle idee che vede all’opera artisti e architetti: da Malevich a Tatlin, da Antonio Sant’Elia a Fortunato Depero, da Ludwig Mies van der Rohe a Piet Mondrian, da Fritz Lang a Ridley Scott, da Le Corbusier a Frederick Kiesler, da Constant a Jean Dubuffet, da Frank Gehry a Claes Oldenburg e Coosje van Bruggen.
Idee in forma di immagini che scorrono in parallelo: progetti accomunati da un collettivo sforzo creativo di modificazione e rappresentazione della realtà, che la mostra, attraverso dipinti, disegni, modelli, sculture, fotografie, film, allestimenti effimeri, ecc., ben rappresenta e mette in scena.


80) M. Unali, Guillermo Vazquez Consuegra. Galata Museo del Mare,
è pubblicato nella rivista trimestrale di Architettura, Arte, Comunicazione, Design “il Progetto”, n. 22, dicembre 2004, pp. 14-17.

L’articolo descrive il nuovo volto del “Galata”, ridisegnato dall’architetto spagnolo Guillermo Vazquez Consuegra.
Il Galata, un’antica costruzione della fine del XVI secolo situata nella Darsena di Genova, ritorna così ad essere uno dei simboli della città, divenendo il “contenitore” di una delle maggiori strutture in Europa dedicate al mare e alla storia della navigazione.


79) M. Unali, Spazio digitale: disegno = progetto,
è pubblicato negli Atti del XXVI Convegno Internazionale delle Discipline della Rappresentazione, Lerici, 14/16 ottobre 2004.
Il saggio riassume l’intervento di M.U. elaborato nell’ambito della 7° Sessione del Convegno – dal titolo Disegno e Progetto (coordinata da M. Docci e L. Sacchi) – e riflette sulle potenzialità rappresentativo-conformative dello spazio digitale: disegno = progetto = costruzione.
In sintesi il saggio affronta quelle relazioni tra architettura e tecno-cultura digitale che attualizzano l’argomento, generando ulteriori conformazioni che tendono a ridurre (fino ad annullare) la tradizionale dicotomia di “ordine analogico” tra Disegno e Progetto (disegno e architettura, disegno e costruzione …).
Tali argomenti sono stati relazionati anche con il concetto albertiano di lineamenta (disegno/progetto).
Continuando a riflettere sul tema, emerge inoltre che il “ritmo/processo” della rappresentazione digitale (dall’elaborazione in real time alla sua percezione interattiva) non permette dilatazioni temporali come invece accade (nella dimensione reale), ad esempio, tra l’idea e la sua realizzazione materica. In altre parole, il pensiero e l’azione, nella dimensione digitale, possono essere rappresentazioni di un solo “corpo che sente”.


78) Metamorph. La biennale di Kurt Forster,
editoriale per la rivista trimestrale di Architettura, Arte, Comunicazione, Design “il Progetto”, n. 21, settembre 2004.


77) Rappresentazione digitale e nuovi linguaggi della virtualità architettonica,
è pubblicato in AA.VV., Virtual designer. Richiesta e offerta sul piano formativo, a cura di Davide Borra, ed. Testo & Immagine, Torino 2004  pp. 27-31..

Il libro raccoglie gli Atti  atti della Tavola Rotonda “La figura del Virtual Designer: richiesta e offerta sul piano formativo”, svoltasi al Centro Congressi “Torino Incontra” nell’ambito di Virtuality 2003, organizzata da MIMOS (movimento italiano modellazione e simulazione) il 4 novembre 2003.
Il saggio riassume l’intervento di M.U. svolto nell’ambito di tale incontro di studio.


76) M. Unali, Specie di Immagini,
è pubblicato in AA.VV., Lo Sguardo Denigrato. Ruolo dell’osservatore nell’era della rappresentazione digitale, a cura di Agostino De Rosa, ed. Il Poligrafo, Padova 2003, pp. 399-405.
Il libro raccoglie gli Atti del Seminario di Studi “Lo Sguardo Denigrato. Ruolo dell’osservatore nell’era della rappresentazione digitale”, organizzao dal Dipartimento di Progettazione Architettonica, IUAV, Venezia, 30-31 ottobre 2003.

Il saggio propone lo studio di una nuova specie di immagini – forme spaziali interattive e modelli conformativi multimediali generati dalle relazioni tra cultura visiva e nuove tecnologie – soffermandosi su quali nuovi scenari si stiano delineando per l’osservatore nell’era della rappresentazione digitale. È il passaggio dalla visione all’azione, dall’immagine prefigurata metricamente ed esteticamente del processo visivo analogico – una rappresentazione lineare fermata nello spazio e nel tempo di una vista in cui l’osservatore è l’unico autore e regista della narrazione -, all’immagine fluida e interattiva, conformata nel tempo e nello spazio dell’ambiente digitale, in cui l’osservatore può, di volta in volta, scegliere il proprio ruolo e agire.
Queste considerazioni portano poi l’autore a teorizzare nuove vie di ricerca, soprattutto nel versante della pluri-visualizzazione interattiva dei modelli in real time.


75) M. Unali, L’ideologia della dematerializzazione. L’immagine del reale,
è pubblicato in AA.VV., Gli strumenti di conoscenza per il progetto di restauro, coordinamento scientifico Mario Docci, ed. Gangemi, Roma 2003, pp. 366-369.

Il libro raccoglie gli Atti del Seminario Internazionale di Studi “Gli strumenti di conoscenza per il progetto di restauro”, (responsabili scientifici Mario Docci, Emma Mandelli) organizzato dal Dipartimento di Rappresentazione e Rilievo dell’Università degli Studi di Roma “La Sapienza”, con la partecipazione del Dipartimento di Progettazione dell’Architettura dell’Università degli Studi di Firenze, svoltosi a Valmontone (Roma) nei giorni 9/10/11 settembre 1999.


74) M. Unali, Rappresentazione versus Virtualizzazione,
è pubblicato in “Architettura, Comunità e Partecipazione: quale linguaggio? Problemi e prospettive nell’era della Rete”, a cura di , Alessandro Giangrande, Elena Mortola, ed. Aracne, Roma 2003, pp. 140-143.

Il libro raccoglie gli Atti del Seminario Internazionale “Architettura, Comunità e Partecipazione: quale linguaggio? Problemi e prospettive nell’era della Rete”, organizzato dall’Università degli Studi Roma Tre, Facoltà di Architettura, Dipartimento di Progettazione e Scienze dell’Architettura, Master in Progettazione Interattiva Sostenibile e Multimedialità, svoltosi a Roma il 4 e 5 aprile 2002.


73) M. Unali, Network Tower,
è pubblicato nella rivista trimestrale di Architettura, Arte, Comunicazione, Design “il Progetto”, n. 17, settembre 2003, pp. 36-39.


70-72) I seguenti saggi di M. Unali sono pubblicati incoverdisxxsecolo
AA.VV., Il Disegno dell’architettura italiana nel XX secolo,
a cura di C. Mezzetti, ed. Kappa, Roma 2003:
Numero ISBN: 88-7890-518-6
Cap. 1. Il disegno accademico (pp. 65-75);
Cap. 3. Il disegno della scuola romana degli anni Venti: analisi di un linguaggio (pp. 109-147);
Apparati. 1993: dodici interviste sul disegno dell’architettura (pp. 276-321).


69) M. Unali, Geometria descrittiva e tecno-cultura digitale: rappresentazione/conformazione in real time,
è pubblicata nei “Documenti preliminari”, a cura di T. Fiorucci, ed. Gangemi, Roma 2003, pp. 149-150, del Seminario “L’insegnamento della geometria descrittiva nell’era dell’informatica”, coordinato da Mario Docci (responsabile scientifico) e Laura De Carlo, Università degli Studi di Roma “La Sapienza”, Dipartimento di rilievo analisi e disegno dell’ambiente e dell’architettura (radaar), svoltosi nella prima Facoltà di Architettura “Ludovico Quaroni”, Roma 23-24 maggio 2003.
È in corso di pubblicazione negli atti del Seminario il saggio in versione estesa.

Larticolo riflette sulle relazioni generate dall’incontro tra disegno (nell’accezione albertiana di lineamenta) e tecno-cultura digitale, individuando nella rappresentazione/conformazione in real time una delle più significative dimensioni espressive della condizione contemporanea.
Da questa prima considerazione derivano una serie di questioni, teoriche e operative, che stanno profondamente modificato la ricerca e la didattica nel settore della rappresentazione architettonica. Soprattutto nel settore degli studi sulla prospettiva.


68) Texture in laterizio: note sul rilievo di quattro esempi della Roma rinascimentale,
è pubblicato in “Rilievo e analisi morfologico-descrittiva dei paramenti murari e dei componenti edilizi in architettura”, a cura di C. Mezzetti, ed. Kappa, Roma 2003, pp.75-80 e pp.158-160 (schede dei paramenti rilevati).
Il volume raccogli gli esiti della ricerca M.U.R.S.T. (cofinanziamento anno 1998 prot. 9808264207.008) “Il rilievo scientifico come strumento di conoscenza dell’architettura e della città” (programma generale coordinato dal prof. Mario Docci – Università degli Studi di Roma “La Sapienza”), nell’Unità di Ricerca coordinata dal prof. Carlo Mezzetti (Università degli Studi di Chieti “Gabriele d’Annunzio”) dal titolo “Rilievo e analisi morfologica descrittiva dei paramenti murari e dei componenti edilizi in architettura”.
Numero ISBN: 88-7890-504-6.

Textura, in latino tessitura, texture in inglese struttura o trama, è un termine che, se riferito all’architettura, indica le caratteristiche visive e quindi percettive delle superfici, siano esse fisiche, cioè realizzate, siano esse disegnate, cioè progettate.
L’impatto figurativo dei pattern tessiturali  è un tema noto, ma senza entrare nel merito del dibattito storico sull’argomento, il saggio tratta in termini di “annotazioni”, soprattutto il rilievo delle cortine murarie in laterizio, e più precisamente il disegno e la rappresentazione dell’immagine di parti significative delle facciate in laterizio di quattro opere del Cinquecento romano:
– la villa della Farnesina (1506-1520) di Baldassarre Peruzzi;
– il Palazzo dei Conservatori (1563/1568) nella piazza del Campidoglio (Michelangelo);
– il Collegio Romano (1582-1584) di Bartolomeo Ammannati (e Giuseppe Valeriano);
– il prospetto su via Caetani di Palazzo Mattei di Giove (1598-1613) progettato da Carlo Maderno.


67) Livio Sacchi e Maurizio Unali (a cura di),coverskira
Architettura e cultura digitale,
ed. Skira, Milano 2003. Numero ISBN: 88-8491-408-6. Pp. 245 a colori.

Nella stessa pubblicazione vedi, di M. Unali, il saggio pubblicato (pp. 218-245) dal titolo Spazio Indicibile, nella sezione “Post script”.

Fra le recensioni: “l’A – News”, Settimanale del Consiglio Nazionale degli Architetti, Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori, 11, 13.3.2003;  G. Amodio, in “Op.. Cit., Selezione della critica d’arte contemporanea”, n. 117, maggio 2003, pp. 54-57;  M. Bruzzone,  in “Area”, n. 69, luglio-agosto 2003, p. 186 .
Fra le presentazioni del volume: “Architettura, Design e cultura digitale”, conferenza di L. Sacchi e M. Unali, nell’ambito del ciclo Arte e Scienza della Rappresentazione, “Riflessioni sul Disegno” a  cura del Dottorato di Ricerca in Disegno e Metodi di Sviluppo Prodotto e della Facoltà di Design del Politecnico di Milano. Milano, 11 novembre 2003.

Read More


66) Il rilievo delle Cappelle Mastrogiudice e Correale di Terranova, nella Chiesa di S. Anna dei Lombardi in Monteoliveto a Napoli,
è pubblicato nella rivista “Quaestio. Studi e ricerche per il disegno e la documentazione dei beni culturali”, n. 2, settembre 1999, ed. Kappa, Roma, pp. 49-64. Finito di stampare nel mese di dicembre 2002.

Il saggio, pubblicato nella sezione della rivista dedicata al Rilievo, riepiloga l’esperienza compiuta da M. Unali nel 1999 per il rilevamento integrato delle Cappelle dell’Annunciazione e Mastrogiudice, nella Chiesa di S. Anna dei Lombardi in Monteoliveto a Napoli. Sul processo di rilevamento cfr. anche il volume sul “Complesso monastico di Monteoliveto” (a cura di C. Cundari, Gangemi ed., Roma 1999


65) M. Unali, Scultura versus Architettura. Alberto Timossi: urban pipes,
è pubblicato nella rivista “Spazio architettura”, n. 56 (n. 13 nuova serie), giugno 2002, pp. 48-53.

L’articolo, partendo dall’opera dello sculture Alberto Timossi, si interroga sui rapporti tra scultura e architettura alla luce delle trasformazioni culturali derivanti dalla rivoluzione digitale.


64) M. Unali, Architettura in pixel,
è pubblicato nella rivista di Architettura “XY dimensioni del disegno”, Architectura ficta, ed. Officina, gennaio-dicembre 2001, nn. 41-43, pp. 16-28.

Il saggio, in continuità con la ricerca pubblicata in “Pixel di architettura” (Kappa, Roma 2001), riflette sulle relazioni tra architettura e cultura digitale, ed è stato presentato in occasione di: “Professione infografico. Nuove interfacce tra il computer e gli ambiti differenziati della professionalità”, Seminario di Studi coordinato da Adriana Soletti, organizzato dal Dipartimento di Ingegneria Civile ed Ambientale Sezione IDeA dell’Università degli Studi Perugia, Facoltà di Ingegneria, svoltosi a Perugia il 5 ottobre 2001.


63) M. Unali, Occhi chiusi aperti. Padiglione Esprit Nouveau, Bologna 2001,
è pubblicato nella rivista trimestrale di Architettura, Arte, Comunicazione, Design “il Progetto”, n. 11, gennaio 2002, p. 31.


62) Pinta  l’  dì. Spazi visivi contemporanei,
è pubblicato nella rivista trimestrale di Architettura, Arte, Comunicazione, Design “il Progetto”, n. 12, aprile 2002, pp. 26-29.


61) Zaha Hadid, opere e progetti,
è pubblicato nella rivista trimestrale di Architettura, Arte, Comunicazione, Design “il Progetto”, n. 13, settembre 2002, pp. 62-64.


60) Alcuni progetti di M. Unali sono pubblicati in:
50. La nuova architettura italiana. Due generazioni a confronto, Federico Motta editore, Milano 2002, pp. 206-209.

Il volume raccoglie gli esiti della mostra organizzata da Aid’a “50 nuova architettura italiana. Due generazioni a confronto” che ha toccato molte città europee tra cui:
– Haus der Architektur, Graz, 18 gennaio-28 febbraio 2002;
– 14 Marzo 2002, presso l’Istituto Italiano di Cultura di Praga.


59) M. Unali,
La ricomposizione del puzzle. Note sulla componente progettuale del rilevare,
è pubblicato in AA.VV., EMERGENZA?RILIEVO. Applicazioni di metodi operativi al rilievo per la valorizzazione e il restauro dei Beni Architettonici e Ambientali, ed. Kappa, Roma 2001, pp. 60-68. ISBN: 88-7890-407-4

Il saggio affronta, attraverso la metafora “dell’arte del puzzle”, i processi progettuali innescati dal rilevamento e dalla rappresentazione, nel caso della documentazione allegata ai concorsi di architettura.


58) Progetti in Mostra (Livio Sacchi, Maurizio Unali),
è pubblicato in Architettura e/è Arte, a cura di Massimo Locci, ed. Prospettive, Roma 2001, pp. 94-95.

La pubblicazione raccoglie gli esiti della Mostra Architettura e/è Arte, organizzata dall’Ordine degli Architetti di Roma e provincia con il patrocinio di: Ministero Beni e Attività Culturali; Assessorato alla Cultura Spettacolo Sport e Turismo della Regione Lazio; Assessorato alle Politiche del Territorio del Comune di Roma. Roma, Foro Italico 9-16 luglio 2001. Un confronto tra artisti e architetti di varie generazioni a testimonianza di un legame, di uno scambio tra le ricerche delle due discipline.
Il lavoro pubblicato espone alcune ricerche progettuali comuni, condivise da Livio Sacchi + T-Studio + Maurizio Unali.

 


57) Maurizio Unali,coppixel
Pixel di architettura,
ed. Kappa, Roma 2001. Numero ISBN: 88-7890-425-2
Prefazione di Livio Sacchi, Cover di Cristiano Pintaldi.
Libro (125 pp. a colori) + CD-Rom

cdpixel1

La pubblicazione, composta da un libro e da un CD-Rom, attraverso testi, immagini (iniziando da quella di copertina firmata da Cristiano Pintaldi) e video, affronta il tema della rappresentazione e conformazione del progetto di architettura nell’era digitale.
Il libro, introdotto da un saggio di Livio Sacchi – in cui si delinea un ampio e aggiornato panorama delle più avanzate ricerche nel settore dell’architettura digitale -, è composto da due parti.
La prima – “Sperimentazioni digitali” – presenta alcuni progetti che offrono all’autore l’opportunità di esprimere pensieri sull’idea di architettura e sul suo rinnovato valore comunicativo, in relazione alla realtà tecno-informatica contemporanea. Riflettendo sul suo lavoro di architetto e di docente della rappresentazione, egli avvia un processo di concettualizzazione in cui risultano chiari i riferimenti alle idee di Maldonado, McLuhan, de Kerckhove, Bettetini, Vattimo, Lévy, ai lavori di Eisenman, Novak e di tanti altri.
La seconda parte – “La rappresentazione nell’epoca dei media digitali” – è composta da 19 saggi imperniati sull’analisi del rapporto tra rappresentazione del progetto e cultura digitale, sulle nuove espressività figurative, sui diversi modi di elaborare immagini, sull’influenza del computer nella percezione, nell’ideazione e nella didattica, e ancora sul valore della simulazione e sulle potenzialità processuali, sul senso del tempo e dello spazio. Nuove strade da percorrere attraverso la tecnologia informatica per soddisfare la progettualità e ampliare la conoscenza e lo scambio di informazioni in rete.
Il CD-Rom presenta immagini, testi, video, animazioni, morphing, VRML e suoni composti in un ipertesto che consente una navigazione interattiva sulle sperimentazioni digitali rappresentate in sintesi nelle pagine del libro. È un viaggio all’interno di mondi possibili, dove la figurazione tende a dare certezza dei concetti espressi precedentemente e il suono avvalora la comunicazione ipertestuale, insieme al colore e alle forme 3D in movimento.
Nel suo complesso la pubblicazione offre un aggiornato “stato dell’arte” sui rapporti tra “cultura digitale” e architettura, che evidenzia le tendenze verso le quali si proietta la ricerca progettuale attuale.
Read More


56)  M. Unali e altri … trenta anni di disegno … inserire


55) M. Unali, PAESAGGI CONTEMPORANEI,
è pubblicato nella rivista “XY dimensioni del disegno”, ed. Officina, nn. 38-40, gennaio-dicembre 2000, pp. 106-111.

Il saggio evidenzia la struttura comunicativa ed espressiva del progetto Paesaggi contemporanei, presentato da M.U. nell’ambito delle attività culturali della Biennale di Architettura 2000. Paesaggi contemporanei è una rappresentazione digitale, concepita come un “work in progress”, che mette in scena spazialità architettoniche ispirate all’opera di Marcel Duchamp Nu descendant un escalier n. 2, dipinto nel 1912. Si tratta di un racconto digitale espresso in forma di “metafora architettonica”. La rappresentazione, composta da elaborati fissi e animati, è finalizzata alla ricerca di poetiche progettuali contemporanee riferite ad atmosfere proprie della cultura delle avanguardie artistiche del primo Novecento. Il progetto è stato elaborato applicando la “logica” e la tecnologia digitale ad un’immagine di partenza, il dipinto di Duchamp, che appartiene “all’era della macchina”, ma che contiene, in nuce, alcuni degli aspetti che oggi connotano lo spazio contemporaneo.


54) M. Unali,
La comunicazione del progetto d’architettura,
è pubblicato in AAVV, Atti del Convegno “La normazione nella rappresentazione dell’edilizia”, coordinamento scientifico C. Cundari, promosso dal Dipartimento di Rappresentazione e Rilievo dell’Università degli Studi di Roma “La Sapienza” e dall’Uni, Roma 22-24 settembre 1994, ed. Kappa, Roma 2000, pp. 414-418.

L’argomento trattato si inserisce nel dibattito sul tema “Architettura come Comunicazione”. In particolare il saggio si sofferma sui significati di cui è medium il “segno grafico” dei disegni dell’architettura. I codici di rappresentazione propri del linguaggio con cui esprimiamo e comunichiamo l’architettura, sono indagati – attraverso degli esempi – anche nei loro significati iconici e simbolici.


53) Maurizio Unali,
Rappresentazione e comunicazione.
Entelechia del disegno dell’architettura
,
è pubblicato in AAVV, Atti del Convegno su “Il Rilievo dei Beni Architettonici per la Conservazione” (Napoli 15/17 aprile 1999), a cura di Cesare Cundari e Laura Carnevali, ed. Kappa, Roma 2000, pp. 429-433.

Il saggio, dopo aver ricordato il significato di termini e concetti come rappresentazione, immagine, virtuale/reale, progetto/rilievo, simbolico/iconico, evidenzia l’importanza dell’ermeneusi del disegno dell’architettura introducendo il concetto filosofico di entelechia.


52) Maurizio Unali,
Il disegno di progetto dell’architettura. La rappresentazione delle idee: la “Scuola romana” negli anni Venti,
è pubblicato in AAVV, Quaderno del Dottorato di Ricerca in Disegno e Rilievo del Patrimonio Edilizio, coordinamento scientifico C. Cundari, ed. Kappa, Roma 2000, pp.179-188.

Il saggio sintetizza alcune conclusioni della tesi di Dottorato svolta nel triennio 1990-93. In particolare si sofferma sul ruolo che il disegno di progetto occupa nel linguaggio grafico dell’architetto negli anni Venti.


51) Maurizio Unali,
Creatività digitale. Disegni di progetto nell’era della dematerializzazione,
è pubblicato in AAVV, La rappresentazione dell’architettura. Storia, metodi, immagini, a cura di Carlo Mezzetti, ed. Kappa, Roma 2000, pp. 201-222.fig1b1

Il saggio analizza le modalità comunicative del progetto d’architettura in relazione ai messaggi della nostra epoca elettronica, descrivendo i nuovi modelli rappresentativi legati alla dimensione creativa digitale.

 

 


50) M. Unali, Bernard Tschumi. Alfred Lerner Hall,
è pubblicato nella rivista trimestrale di Architettura, Arte, Comunicazione, Design “il Progetto”, n. 6, gennaio 2000, pp. 18 – 19.
Nella stessa rivista ha pubblicato una sintesi della propria ricerca progettuale in Gerico, p. 73.


49) M. Unali, Berger + Parkkinen. Il complesso delle ambasciate a Berlino,
è pubblicato nella rivista trimestrale di Architettura, Arte, Comunicazione, Design “il Progetto”, n. 8, ottobre 2000, pp. 26-29.


48) M. Unali, Architettura della luce. L’immagine della città,
è pubblicato nella rivista trimestrale di Architettura, Arte, Comunicazione, Design “il Progetto”, n. 8, ottobre 2000, pp. 46-47.


46-47) International design competition.
Il ponte dei congressi. Un ponte carrabile sul Tevere.
Ha curato e coordinato (in gruppo) per il Comune di Roma, ufficio Concorsi di Architettura, la redazione e la pubblicazione del
Bando (vol. primo, dicembre 1999) e della
Documentazione alla Seconda Fase (vol. secondo, giugno 2000) del Concorso internazionale di progettazione Il ponte dei congressi. Un ponte carrabile sul Tevere,
pubblicato a cura della rivista trimestrale di Architettura, Arte, Comunicazione, Design “il Progetto”.
Parte del lavoro è stato anche pubblicato in: “Ponte dei Congressi. Un ponte carrabile sul Tevere”, U.C.A. Cataloghi di Architettura (collana a cura di Francesco R. Ghio), Comune di Roma, ed. Alinea, Firenze 2001.

In particolare, nel volume “Documentazione alla Seconda Fase (vol. secondo, giugno 2000) del Concorso internazionale di progettazione Il ponte dei congressi. Un ponte carrabile sul Tevere”, ha curato i seguenti saggi:
– I ponti sul Tevere: un itinerario da nord a sud di Roma (pp. 54-66);
– L’area del concorso e il contesto urbano (pp.67-74);
– I quartieri e le emergenze architettoniche (pp. 75-85);
– Le principali trasformazioni in corso (pp.86-101);
– La mobilità esistente e prevista (pp. 102-113;
– Descrizione e uso dell’area di concorso (pp.114-116).
Ha inoltre coordinato (in gruppo) la rappresentazione dell’area del Concorso (cfr. pp. 28-33 e cd-rom allegato al volume).


45) M. Unali, I progetti di riuso come icone della “civiltà delle macchine”,
è pubblicato in AAVV, EMERGENZA RILIEVO. Applicazioni di metodi operativi al rilievo per la valorizzazione e il restauro dei beni architettonici e ambientali, ed. Kappa, Roma 1999, pp. 47-57.

Il saggio affronta il tema dell’archeologia industriale e dell’architettura industriale, riferito al progetto di architettura. Affermando che l’architettura dell’età elettronica che stiamo vivendo nasce anche da questa eredità, ed è anche dai resti di questa che trae energia e spunti creativi, il testo analizza orientamenti e filosofie contemporanee d’intervento, illustrando alcuni tra i più avanzati progetti di recupero e riuso degli insediamenti di archeologia industriale a livello nazionale e internazionale.


44) M. Unali ha curato per l’editore Franco Maria Riccifmr
la redazione di 27 Biografie di architetti e ingegneri
che hanno operato a Roma
nel Novecento.
Queste Voci sono pubblicate in
“Enciclopedia di Roma. Dalle origini all’anno Duemila”, ed. FMR, Milano 1999.

Gli autori descritti (27) sono:
Pietro Aschieri,
Ernesto Basile,
Cesare Bazzani,
Armando Brasini,
Michele Busiri Vici,
Guglielmo Calderini,
Mario De Renzi,
Angelo Di Castro,
Volfango Frankl,
Gustavo Giovannoni,
Adalberto Libera,
Amedeo Luccichenti,
Angiolo Mazzoni,
Vincenzo Monaco,
Eugenio Montuori,
Riccardo Morandi,
Luigi Moretti,
Saverio Muratori,
Pier Luigi Nervi,
Marcello Piacentini,
Pio Piacentini,
Luigi Piccinato,
Ludovico Quaroni,
Gaetano Rapisardi,
Mario Ridolfi,
Maurizio Sacripanti,
Manfredo Tafuri.
In un unico volume di 1000 pagine, composto da oltre 6000 voci e 600 illustrazioni a colori, l’editore F. M. Ricci ha voluto rappresentare la città di Roma attraverso la storia della sua cultura raccontata da 130 studiosi.
Il volume è stato presentato presso la libreria FMR in via del Babuino a Roma il 29 novembre e presso l’Ambasciata di Francia a Palazzo Farnese da G. Andreotti, F. Rutelli e F. Strinati, Roma 30 novembre 1999.


43) M. Unali, La fortezza di Osoppo. Progetto di Pierluigi Grandinetti,
è pubblicato nella rivista trimestrale di Architettura, Arte, Comunicazione, Design “il Progetto”, n. 5, luglio 1999, pp. 40-43.


42) M. Unali, Il progetto per il recupero ambientale di una cava di calcare,
è pubblicato nella rivista “Quarry and Construction”, n. 4, aprile 1998, pp. 7-18.


41) M. Unali, Richard Meier a Phoenix,
è pubblicato nella rivista trimestrale di Architettura, Arte, Comunicazione, Design “il Progetto”, n. 1, luglio 1997, pp. 14-17.


39-40) M. Unali,
Frank O. Gehry, Working models for One Times Square, New York 1997 (pp. 14-17);
Architettura a tempo (pp. 52-53),
sono pubblicati nella rivista trimestrale di Architettura, Arte, Comunicazione, Design “il Progetto”, n. 2, gennaio 1998.
In questo articolo sono proposti alcuni temi e progetti sulla cosiddetta “architettura effimera”. In particolre vengono proposte al lettore alcune opere di architettura dedicate alla rappresentazione dell’evento (musicale, teatrale, commerciale, politico ecc.).


38) M. Unali, COOP HIMMELB(L)AU, come le nuvole. Wolf D. Prix e Helmut Swiczinsky,
è pubblicato nella rivista trimestrale di Architettura, Arte, Comunicazione, Design “il Progetto”, n. 3, giugno 1998, pp. 30-33..


37) Günter Domenig, Stadtteather Klagenfurt,
è pubblicato nella rivista trimestrale di Architettura, Arte, Comunicazione, Design “il Progetto”, n.4, dicembre 1998, pp. 34-37.


36) M. Unali,
Comprendere, misurare, rappresentare. Dalla misura del reale al modello virtuale,
è pubblicato in AAVV, Algoritmi e procedure informatiche per il rilievo dell’architettura: esperienze a confronto, a cura di Piero Albisinni, Atti dell’Incontro di Studio organizzato dall’Università degli Studi “Gabriele d’Annunzio” di Chieti, Facoltà di Architettura di Pescara, Dipartimento di Scienze, Storia dell’Architettura e Restauro, svoltosi a Pescara il 22 aprile 1997, Fratelli Palombi Editori, Roma 1997, pp. 13-18.

Il significato del termine rilevare suggerisce e impone molteplici riflessioni, alcune appartenenti alla teoria e alla prassi operativa propria della disciplina, altre inerenti al valore e al significato dell’atto conoscitivo insito in ogni forma di esplorazione e rappresentazione del reale.
Il saggio affronta questo argomento analizzando le valenze culturali e scientifiche insite nel processo conoscitivo della realtà e delle successive riduzioni in termini di sua rappresentazione. I quesiti e le argomentazione che pone l’intervento sono puntate nella direzione di capire il quadro generale di riferimento rispetto al quale collocare e attribuire “significato” ad alcuni strumenti, e nel caso specifico quelli informatici, di supporto alla conoscenza e rappresentazione del reale.


35) Il disegno di progetto nella teoria e nella pratica rinascimentale. Alcuni spunti per un tema attuale,
è pubblicato in AAVV, Il disegno di progetto. Dalle origini a tutto il XVIII secolo, coordinamento scientifico Mario Docci, Atti del Convegno organizzato dal Dipartimento di Rappresentazione e Rilievo dell’Università degli Studi di Roma “La Sapienza” (Roma, 22-24 aprile 1993), Gangemi ed., Roma 1997, pp. 109-113.

Il saggio esamina il ruolo del disegno di progetto nel Rinascimento, considerato periodo fondamentale della storia della rappresentazione, dapprima illustrando i principali aspetti teorici, e poi, attraverso la “lettura” di alcuni significativi disegni di progetto, evidenzia il valore della rappresentazione architettonica nella prassi operativa del periodo.


29-34) I seguenti contributi, redatti da M. Unali e C. Baldoni, sono pubblicati in Integrazione della Matematica e del Disegno, Atti e resoconti della ricerca a cura di C. Cundari, Ministero della Pubblica Istruzione, Università degli Studi di Roma “La Sapienza”, Dipartimento di Rappresentazione e Rilievo, Roma 1997:

Dalle trasformazioni geometriche ai reticoli (pp. 75-94);
Le trasformazioni geometriche nell’analisi architettonica: la Rotonda di Andrea Palladio (pp. 181-190);
Le trasformazioni geometriche nell’analisi architettonica: i Collegi di G. De Carlo a Urbino – dall’alloggio all’unità residenziale (pp. 191-204);
Le trasformazioni geometriche nell’analisi architettonica: i Collegi di G. De Carlo a Urbino – dall’unità residenziale al collegio (pp. 205-216);
Le trasformazioni geometriche per la progettazione architettonica: alloggio per studenti (pp. 217-228);
Le trasformazioni geometriche per la progettazione architettonica: aggregazione di unità residenziali (pp. 229-238).

Il tema che unisce questi saggi è la Geometria come “strumento” ordinatore della forma. In tutti i procedimenti di genesi morfologica illustrati e descritti nei 6 saggi si studiano le trasformazioni geometriche come un importante anello di congiunzione tra il Disegno, la Matematica e l’Informatica. Ne deriva una riflessione sul ruolo della geometria come medium rappresentativo e conformativo del progetto..


27-28) I saggi:
Percezione e Rappresentazione dello spazio urbano: note sulla ricerca e sulla mostra documentaria della città di Chieti;
Il rilievo dei prospetti attraverso l’elaborazione informatica di immagini fotografiche;
sono pubblicati nel libro Chieti città d’arte e di cultura, a cura di C. Robotti, edizioni del Grifo, Lecce 1997, pp. 271-289.

All’interno del volume a cura del prof. Ciro Robotti, il testo Percezione e Rappresentazione dello spazio urbano: note sulla ricerca e sulla mostra documentaria della città di Chieti, analizza il tema della percezione e della rappresentazione architettonica in generale e quelle della città di Chieti in particolare, e ne delinea una fenomenologia.
Il testo Il rilievo dei prospetti attraverso l’elaborazione informatica di immagini fotografiche, analizza invece la metodica di rilevamento indiretto di prospetti attraverso la fotogrammetria architettonica. Il volume è stato presentato nel corso della Giornata di Studi dedicata a “Chieti Città d’arte e di cultura”, che si è tenuta a Chieti il 31 maggio 1997.


26) M. Unali, A proposito di modernità e tradizione,
è pubblicato nella rivista “Ecclesia. Arte, architettura e comunicazione”, n. 9, febbraio – marzo 1997, pp. 34-41.
Il saggio, partendo dagli esiti del concorso internazionale a inviti per “50 Chiese per Roma 2000”, vinto da Richard Meier nel 1996, riflette in termini di “contemporaneità” sui vari aspetti del disegno dell’architettura religiosa, ricercando connessioni e differenze con il dibattito sull’argomento che ha caratterizzato la scena dell’architettura italiana dagli anni Trenta fino agli anni Cinquanta.


25) M. Unali, Rileggendo l’opera di Fischer von Erlach,
è pubblicato nella rivista “Ecclesia. Arte, architettura e comunicazione”, n. 10, aprile – maggio 1997. pp. 42-45..


24) M. Unali, Sverre Fehn, il disegno e la costruzione,
è pubblicato nella rivista “Ecclesia. Arte, architettura e comunicazione”, n. 11, giugno – luglio 1997. pp. 37-41.
Il saggio analizza l’opera dell’architetto norvegese, vincitore del prestigioso premio Pritzker ‘97, attraverso i rapporti tra disegno e costruzione.
Sverre Fehn, tra i massimi esponenti dell’architettura espositiva del Novecento, si segnala per il rigore coerente del suo linguaggio e per la particolare ricerca sui fondamenti umanistici ed etici del progetto.


23) Chiese lignee medievali in Norvegia,
è pubblicato nella rivista “Ecclesia. Arte, architettura e comunicazione”, n. 13, ottobre-novembre 1997, pp. 23-29.


22) M. Unali, Recensione alla Manifestazione12
Imagina ’96,
è pubblicata nella sezione “Seminari, convegni, mostre” della rivista Disegnare. Idee, immagini”, n. 12, 1996, p. 89.

 

 


21) La recensione alla Mostra13
La Fabbrica di Roma. Piani e progetti per il rinnovamento urbano.
Roma, Palazzo delle Esposizioni, 26 luglio – 26 agosto 1996,
è pubblicata nella sezione “Seminari, convegni, mostre” della rivista “Disegnare. Idee, immagini”, n. 13, 1996, pp. 92-93.


20) Chieti: lettura grafica di alcuni ambiti storici finalizzata alla conoscenza per la documentazione e la conservazione (in collaborazione),
è pubblicato negli Atti del XVIII Convegno Internazionale dei Docenti della Rappresentazione nelle Facoltà di Architettura e di Ingegneria, dal titolo “Obiettivo sulla città. Estetica e degrado” (Lerici 19-21 settembre 1996).


19) Il Disegno:
La rappresentazione di un’idea di città. Il progetto di concorso per la sistemazione del litorale di Castelfusano (Roma) 1933-34, di Adalberto Libera,
e l’intervento (in collaborazione) dal titolo
Un metodo di indagine e di narrazione dell’iconografia urbana del moderno,
sono pubblicati in AA.VV., Il rilievo del Moderno: caratteri di riconoscibilità della forma urbana, Flaccovio ed., Palermo 1996, pp. 240-241. Atti dello Stage di Rappresentazione dell’architettura (responsabile scientifico prof. Rosalia La Franca) svoltosi a Gibellina dal 22 al 29 maggio 1994, organizzato dall’Università degli Studi di Palermo, Dipartimento di Rappresentazione.


18) Maurizio Unali,libromu
Il disegno per il progetto dell’architettura,
ed. Kappa, Roma 1996. Numero ISBN: 88-7890-200-4
Presentazione di Cesare Cundari. Pp. 112, b/n.

Gli argomenti trattati nel libro introducono allo studio del disegno dell’architettura e, nello specifico, del disegno di progetto, con l’obiettivo di fornire un primo approccio conoscitivo all’argomento, finalizzato, fondamentalmente, alla comprensione, in forma ordinata, del significato e del valore che il disegno assume nell’attività teorica e nella prassi operativa del progettista.

Pp. 112, b/n. Presentazione di C. Cundari. In copertina disegni di Alvaro Siza Vieira

Indice
Presentazione di Cesare Cundari
Introduzione
1. Il disegno
2. Il disegno per il progettista
3. Il disegno dell’architettura: un chiarimento sui termini
3.1. Il disegno architettonico
4. Il disegno di progetto
4.1. Lo schizzo
4.2. Il disegno per il progetto
di massima
4.3. Il disegno per il progetto
esecutivo
4.4. Il disegno per l’opera realizzata. Problemi di gestione e manutenzione del progetto realizzato.
5. Rapporto tra idea e mezzo espressivo: dall’idea alla sua realizzazione.
6. La rappresentazione del progetto: norme e convenzioni grafiche.
7. Alcune considerazioni sull’uso dell’informatica per la redazione dei disegni di  progetto.
Glossario.
Bibliografia.


17) La recensione alla mostra09
Ridolfi e Frankl. L’edificio per i nuovi uffici comunali a Terni. Mostra di disegni esecutivi, (tenutasi a Pescara nella Facoltà di Architettura dal 7 al 21 giugno 1995),
è pubblicata nella sezione “Seminari, convegni, mostre” della rivista Disegnare. Idee, immagini”, n. 9/10, 1995, p. 115.


15-16) I saggi:
Mostra dell’attività didattica del V, VI e VII ciclo del Dottorato in “Disegno e Rilievo del Patrimonio edilizio” – in collaborazione – (pp. 79-83);
Il dottorato in Disegno (pp. 93-94);
sono pubblicati in AA.VV., Il Disegno per le Facoltà di Ingegneria, a cura di C. Cundari, Gangemi ed., Roma 1995.
Ha inoltre curato, in collaborazione, la redazione del volume.


13-14) I saggi:mosca
Il rilievo fotografico (pp. 89-92);
Il rilievo fotogrammetrico (pp. 105-110);
sono pubblicati in AA.VV., La chiesa dei Miracoli della Madonna del Segno a Podol’sk, Mosca, a cura di C. Cundari e G. M. Jacobitti, Gangemi ed., Roma 1994. Ha inoltre curato, in collaborazione, la redazione del volume.

I due saggi riflettono sui molteplici ruoli che la fotografia svolge nel processo di rilevamento architettonico, come documentazione dello stato di fatto dell’opera, come ausilio nelle varie fasi operative, ma anche come metodica autonoma di rilevamento.
In particolare, il saggio Il rilievo fotogrammetrico, espone i criteri e gli esiti del processo di rilevamento fotogrammetrico adottati per la La chiesa dei Miracoli della Madonna del Segno a Podol’sk, Mosca.


12) M. Unali, La documentazione fotografica: l’archivio fotografico e fotogrammetrico,angelo
è pubblicato in
AA.VV., Rilievo degli Appartamenti Papali in Castel Sant’Angelo (con il patrocinio del Ministero per i Beni Culturali e Ambientali, dell’Ufficio Centrale per i Beni A.A.A.A.S., del Museo Nazionale di Castel Sant’Angelo, del Dipartimento di Rappresentazione e Rilievo dell’Università degli Studi di Roma “La Sapienza”), Gangemi ed., Roma 1994, pp. 35-38.
Il volume raccoglie gli esiti della ricerca di rilievo e della Mostra (coordinata da C. Cundari) sul tema.
M.U. ha inoltre curato la redazione del volume e, in collaborazione, la documentazione fotografica e la Mostra.

Il saggio, attraverso l’esposizione del sistema documentario adottato per il rilevamento fotografico di Castel Sant’Angelo, affronta il tema della fotografia di architettura come uno dei modi per “leggere” e rappresentare, anche “tematicamente”, un organismo architettonico.


11) M. Unali, Il disegno per la conservazione del patrimonio architettonico
(in collaborazione), è pubblicato (in edizione fuori commercio) nel settembre 1994 per le edizioni Kappa di Roma e inserito nel Registro Pubblico Generale delle Opere Protette il 13 maggio 1994.

La pubblicazione riassume gli esiti della ricerca sulla “Didattica del Disegno” per la redazione di Otto Pacchetti formativi per i docenti di Disegno negli Istituti Tecnici per Geometri e negli Istituti Tecnici Industriali spec. Edilizia, commissionati al Dipartimento di Rappresentazione e Rilievo dell’Università “La Sapienza” di Roma (responsabile prof. C. Cundari) dalla Direzione Generale per l’Istruzione Tecnica del Ministero della Pubblica Istruzione a partire dal dicembre 1990.
In particolare il volume (n. 7) Il disegno per la conservazione del patrimonio architettonico si propone di porre l’attenzione sulle interrelazioni tra il disegno e la didattica relativa al patrimonio architettonico, chiarendo come sia proprio tale disciplina a potere e dovere esercitare un ruolo centrale in quello che costituisce uno degli aspetti fondamentali nella formazione culturale del cittadino.


10)  M. Unali,
Tesi dottorato … Inserire …


9) Il resoconto alla Mostra e al Seminario didattico

07
Il disegno nelle Facoltà di Ingegneria, Roma Chiostro e Sala Convegni di S. Pietro in Vincoli 22-27 novembre 1993,
è pubblicato nella sezione “Seminari, convegni, mostre” della rivista “Disegnare. Idee, immagini”, n. 7, 1993, pp. 88-89.


8) La recensione alla Mostra

06Francesco di Giorgio Martini e il Rinascimento a Siena 1450-1500, Siena, Chiesa di Sant’Agostino, 25 aprile – 31 luglio 1993, è pubblicata nella sezione “Seminari, convegni, mostre” della rivista “Disegnare. Idee, immagini”, n. 6, 1993, pp. 89-90.

 

 


7) Il resoconto sul Convegno05
Disegnare Perugia. Sui tracciati della storia. Perugia, 4 dicembre 1992,
è pubblicato nella sezione “Seminari, convegni, mostre” della rivista “Disegnare. Idee, immagini”, n. 5, 1992, pp. 87-88.


6) M. Unali,

Un’esperienza di fotogrammetria tra la documentazione storico-cartografica e il rilievo diretto,
è pubblicato in AA.VV., L’immagine nel rilievo, Atti dell’incontro di Studio organizzato dal Dipartimento di Rappresentazione e Rilievo dell’Università degli Studi di Roma “La Sapienza” (Roma, 20-22 febbraio 1989), a cura di C. Cundari, Gangemi ed., Roma 1992, pp. 346-357.
Ha collaborato, inoltre, alla redazione del volume.

Il saggio illustra un’esperienza completa di rilevamento fotogrammetrico riferita a due isolati di Piazza Navona. Si descrive la fase della documentazione storico-cartografica, quella del rilievo fotogrammetrico (dal progetto di presa alla ripresa) e quella dell’utilizzazione delle prese, con alcuni esempi di restituzione, sia di tipo grafico diretto, sia di tipo analitico.

1991 //////////////////////////////////

4-5) I saggi:navona1
Cartografia urbana: rappresentazione convenzionale di aggregati urbani storici secondo la normativa Uni 7310 – 74 (in collaborazione, pp. 77-78);
La restituzione grafica diretta. Fotogrammetria a fotogramma singolo (pp.101-109);
sono pubblicati in
AA.VV., Piazza Navona. Immagine tra ricerca e didattica,
“Quaderni del Dipartimento di Rappresentazione e Rilievo dell’Università degli Studi di Roma La Sapienza”, serie Studi e Ricerche (collana diretta da Cesare Cundari), n. 3, ed. Kappa, Roma 1991, pp. 101-109, pp. 77-78.
Ha collaborato, inoltre, alla redazione del volume.

All’interno della pubblicazione, il testo La restituzione grafica diretta. Fotogrammetria a fotogramma singolo, illustra alcune metodiche di rilevamento fotogrammetrico e si sofferma sui principali procedimenti grafici restitutivi.
Il testo Cartografia urbana: rappresentazione convenzionale di aggregati urbani storici secondo la normativa Uni 7310 – 74, analizza gli esiti applicativi della norma Uni, relativamente al rilievo campione dell’isolato Pamphilj a Piazza Navona a Roma.

1990 //////////////////////////////////////////////////////////////////////////////

3) M. Unali, Roma nell’Ottocento: dalla città immaginata alla città realizzata,
in AA.VV., Disegno e immagine della città nell’Ottocento, Atti del Convegno (Trieste, 28-30 giugno 1990), pubblicato a cura dell’Istituto di Disegno, Facoltà di Ingegneria dell’Università degli Studi di Trieste, pp. 621-630.


2) M. Unali, La chiesa e la piazza di S. Giovanni Bosco al Tuscolano,
è pubblicato in “DOSSIER di urbanistica e cultura del territorio”,
Maggioli ed., n.10, aprile-giugno 1990, pp. 58-81.

Il saggio, partendo dagli esiti della ricerca svolta per la tesi di laurea, analizza le vicende storiche e progettuali che hanno disegnato il quartiere del Don Bosco al Tuscolano a Roma, soffermandosi, in particolare, sull’emblematico progetto della piazza e della chiesa, opera degli anni ’50 di Gaetano Rapisardi. Nel saggio sono stati pubblicati, inoltre, alcuni disegni di progetto inediti di G. Rapisardi e parte del rilevamento architettonico-urbano dell’area.


1989 ///////////con empatico affetto … /////////////////////////////////////////////

n. 0) Maurizio Unali ha redatto (in collaborazione) 19 schede di documentazione sul tema “Il tipo residenziale a corte. Esempi italiani e stranieri degli ultimi trent’anni”,
pubblicate nel “Quaderno n. 1 – Settore Tipologico”, dal titolo “Il tipo residenziale a corte” (a cura di Marta Calzolaretti, Luigi Gazzola, P. Giambartolomei, L. Quaroni, R. Valli), Dipartimento di Progettazione Architettonica e Urbana, Facoltà di Architettura di Roma “La Sapienza”, marzo 1989, pp. 13-32.

//////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////